Come diventare assistente virtuale: guida alla professione online

Come diventare assistente virtuale

Vuoi sapere come diventare un assistente virtuale? In questa guida di gut feeling academy scoprirai i requisiti e le informazioni necessarie per avviare questa attività in modo legale e redditizio!

Nel mondo digitale di oggi, la figura dell’assistente virtuale svolge un ruolo fondamentale. Non si tratta solo di una segretaria che lavora da remoto, ma di un professionista completo, in grado di fornire assistenza in diverse aree, dalla gestione delle attività di segreteria alla pianificazione della giornata, fino alla consulenza contrattuale, al marketing e al web marketing.

Se lavori online, un assistente virtuale può diventare un prezioso alleato per risolvere le sfide quotidiane che l’attività di lavoro autonomo o l’impresa possono presentare. Questa guida è stata creata per farti scoprire questa professione e fornirti tutte le informazioni necessarie per iniziare con successo: dall’apertura della partita IVA alla scelta del regime fiscale, fino alla ricerca dei clienti.

Siamo qui per aiutarti ad avviare la tua professione in modo corretto e in regola con la normativa fiscale. Con una guida dettagliata e consigli pratici, ti guideremo passo dopo passo lungo il percorso per diventare un assistente virtuale di successo.

Assistente Virtuale: un nuovo modo di offrire la tua professionalità

L’assistente virtuale è un libero professionista che lavora in remoto per fornire servizi professionali ai clienti che ne hanno richiesto l’assistenza. Questa professione ha avuto origine negli Stati Uniti e negli ultimi 15 anni si è diffusa sempre di più diventando una scelta comune.

Oggi, diventare un assistente virtuale è una decisione presa da ex dipendenti che hanno deciso di intraprendere la propria attività, mettendo a disposizione degli altri la loro preziosa esperienza lavorativa. Ma non solo, molti studenti trovano nell’essere assistenti virtuali un modo per finanziare i propri studi, così come molti professionisti del settore web scelgono questa professione. Infatti, gli assistenti virtuali non hanno un unico bagaglio di conoscenze. Online puoi trovare assistenti virtuali specializzati in professioni legali che possono aiutarti nella stesura di contratti, altri che sono laureati in marketing e possono supportarti in questo campo, e altri ancora che sono veri e propri segretari virtuali.

Il vantaggio di avere un assistente virtuale è che rappresenta un’alternativa valida a un dipendente fisso per i professionisti o le aziende che possono utilizzare i loro servizi solo quando ne hanno effettivamente bisogno. Al contrario, il lavoro di un assistente virtuale può essere gestito in modo flessibile, anche in piccoli blocchi di tempo, rendendolo un’opportunità interessante per molte persone. È un modo innovativo di offrire le proprie competenze professionali, cambiando la mentalità verso un modello di lavoro standardizzato e collaborando con qualcuno che potresti vedere solo attraverso Skype.

Scegliere di diventare un assistente virtuale ti offre la possibilità di lavorare in modo flessibile, mettere a frutto le tue abilità e offrire valore ai tuoi clienti, indipendentemente dalla tua posizione geografica. È un’opportunità emozionante che ti consente di abbracciare un nuovo approccio al lavoro e alla collaborazione.

Sempre più persone sono attratte da questa professione. Ci sono coloro che hanno perso il lavoro e per varie ragioni trovano difficile rientrare nel mercato del lavoro tradizionale. Ci sono anche quelli che desiderano lasciare il lavoro in azienda per sperimentarsi come liberi professionisti.

Personalmente, ho iniziato questa attività mentre ero ancora una dipendente. Oggi, vivo completamente di questa professione, gestendo il mio tempo in totale libertà.

Cosa ti serve per diventare un Assistente Virtuale?

Per intraprendere la carriera di Assistente Virtuale, è necessario avere una conoscenza approfondita del mondo dell’imprenditoria e del lavoro autonomo. È fondamentale anche familiarizzarsi con gli strumenti digitali che possono essere utilizzati per promuovere la propria attività professionale, come:

  • un sito web,
  • profili sui social media,
  • newsletter,
  • blog,
  • e-mail marketing,
  • Skype,
  • posta certificata.

Con l’uso di questi strumenti e un po’ di esperienza, sarai in grado di gestire il tuo tempo di lavoro, collaborare con i clienti e scambiare informazioni riservate, tutto attraverso le piattaforme online disponibili. Questi sono gli elementi che caratterizzano l’attività di un Assistente Virtuale.

Esempi di attività svolte dagli Assistenti Virtuali:

Per darti un’idea più chiara di ciò che può fare un Assistente Virtuale, riporterò alcuni messaggi che ho ricevuto da persone che hanno fatto il mentoring con me e che stavano svolgendo attività come Assistente Virtuale senza rendersene conto:

Sabina: “Ho iniziato per caso questa attività perchè avevo clienti che mi chiedevano di gestire la loro casella email, dandomi l’accesso. Dovevo rispondere alle mail secondo le loro direttive e prendere gli appuntamenti e segnarli in un agenda online.”

Sara: “I miei clienti mi chiedono di fare ricerche di mercato online, sondaggi e poi elaborare dei report che a loro serviranno per affinare le strategie aziendali.”

Cristina: “Sempre più di frequente mi capita che i clienti mi chiedano di gestire la loro contabilità online, quindi elaborazione di fatture, gestione scadenze, e mi danno l’accesso al loro conto online e al gestionale da remoto. Potrei farne una libera professione? come dovrei essere inquadrata? ”

Lucia: “Grazie ai clienti di mio marito mi sono ritrovata a gestire siti web, pagine social e blog come professione retribuita. Dovrei aprire p.IVA come professionista? Esiste un lavoro del genere?”

Questi sono solo alcuni esempi riguardo alle possibili attività svolte da un Assistente Virtuale.

Gli esempi di attività che un Assistente Virtuale può svolgere sono moltissimi. Oggi, gli Assistenti Virtuali possono arrivare a gestire anche blog, social media e newsletter. Le opportunità sono davvero ampie e affascinanti.

Come diventare un Assistente Virtuale di Successo

Se il mondo del lavoro online ti affascina, diventare assistente virtuale potrebbe essere quello che fa per te.

Ma quali sono i requisiti fondamentali, o caratteristiche ottimali per diventare un assistente virtuale di successo e guadagnare online?

Abilità comunicative: la comunicazione è essenziale! Devi essere in grado di esprimerti in modo chiaro e corretto sia nella scrittura che nell’oratoria. Questo ti permetterà di comunicare efficacemente con i clienti e di creare contenuti di qualità.

Conoscenza dell’inglese: nel mondo online e nel digital marketing, l’inglese è la lingua predominante. Possedere una buona conoscenza dell’inglese ti aiuterà a comprendere meglio concetti, tendenze e argomenti affrontati nei corsi di aggiornamento.

Padronanza del web e degli strumenti digitali: come assistente virtuale, dovrai essere a tuo agio nell’utilizzo del computer, creando documenti, gestendo i tuoi profili sui social media, comunicando e collaborando con i clienti attraverso strumenti digitali.

Mentalità imprenditoriale: è fondamentale avere una mentalità orientata all’imprenditorialità. Sarai il principale responsabile delle tue decisioni, dovrai gestire il rischio e adattarti alle sfide che si presentano lungo il percorso.

Gestire la solitudine: a meno che tu non scelga di lavorare in un ambiente di coworking, la maggior parte del tempo lavorerai da solo. Se ami l’indipendenza e la tranquillità, questa situazione potrebbe essere perfetta per te. Tuttavia, se preferisci il lavoro di squadra, dovrai trovare modi per bilanciare la solitudine con l’interazione sociale.

Conoscere le tue potenzialità: rifletti attentamente sulle tue caratteristiche personali. Sei disposto a correre dei rischi? Sei motivato a continuare a imparare e svilupparti? Sai come mantenere la tua motivazione anche quando le cose si fanno difficili? Se le tue risposte sono positive, allora sei pronto per iniziare!

Affrontare il cambiamento: il cambiamento sarà una costante nella tua carriera di assistente virtuale. I clienti potrebbero cambiare, le piattaforme digitali evolveranno e i trend si trasformeranno. Sarà fondamentale essere flessibili e pronti ad adattarsi a queste evoluzioni.

Apertura partita IVA: cerca un commercialista esperto nel campo digitale che possa supportarti nella gestione fiscale e amministrativa della tua attività di assistente virtuale.

Assistenza legale: consulta un avvocato specializzato nel campo digitale per redigere contratti ad hoc per i tuoi servizi come assistente virtuale. Assicurati di ottemperare alle normative sulla privacy e al trattamento dei dati personali sul tuo sito web.

Non dimenticare che il successo come assistente virtuale dipende anche dalla tua determinazione, impegno e continua crescita personale e professionale. Prendi in considerazione questi passaggi, mettiti alla prova e inizia la tua avventura.

Scegli quali servizi offrire come assistente virtuale online

Quando ci avventuriamo nel mondo del lavoro online, molte di noi iniziano offrendo servizi basati sulle competenze acquisite in precedenza. Alcune si dedicano alla contabilità, altre alla traduzione e altre ancora alla segreteria virtuale.

Ma diventare un’assistente virtuale partendo da zero è possibile e puoi costruire una carriera passo dopo passo.

Le competenze informatiche sono fondamentali, insieme a tanta pazienza e diplomazia. La scelta della tua nicchia di mercato è indispensabile, in modo da creare un’offerta vincente che risponda alle esigenze dei clienti.

Come assistente virtuale, hai il potenziale per offrire una vasta gamma di servizi, in base alle tue competenze e alle tue preferenze. Tu decidi le regole del gioco e cosa desideri offrire.

Ecco alcuni esempi:

  • Servizi di segreteria virtuale per gestire appuntamenti, rispondere alle email e organizzare documenti.
  • Gestione dei social media per creare strategie di marketing, pianificare e pubblicare contenuti coinvolgenti.
  • Servizi di traduzione per agevolare la comunicazione tra clienti di diverse lingue.
  • Amministrazione aziendale, che include la gestione delle pratiche burocratiche e la tenuta dei registri contabili.
  • Customer care per assistere i clienti, rispondere alle loro domande e gestire eventuali reclami.
  • Scrittura per il web, creando contenuti persuasivi e ottimizzati per i motori di ricerca.
  • Gestione dei viaggi aziendali, occupandoti di prenotazioni, organizzazione e logistica.
  • Email marketing per creare strategie di comunicazione mirate e coinvolgere i clienti tramite campagne di email.
  • Gestione siti WordPress.
  • Gestione di blog.
  • Creazione di slide per corsi online, e grafiche per i social.

È importante alimentare costantemente la tua presenza online e creare contenuti di qualità, che diventeranno la base della tua reputazione online. La tua unicità è il tuo punto di forza!

Come farti trovare da potenziali clienti

Per farti notare come assistente virtuale, è essenziale creare una presenza online e produrre contenuti che descrivano i servizi che offri, i benefici che apporti e ciò che ti rende unica.

Esistono diverse piattaforme freelance che mettono in contatto domanda e offerta per chi lavora online, come:

Io penso che vadano bene solo per iniziare e fare esperienza perchè spesso c’è il rischio di svalutare il proprio lavoro a causa della forte concorrenza che propone prezzi troppo bassi, rovinando così il giusto valore di mercato.

Fortunatamente, molti imprenditori hanno capito che la nostra professione non è solo un modo per risparmiare denaro, ma anche un modo per aumentare la produttività e concentrarsi sugli obiettivi principali del proprio business.

È fondamentale accettare solo lavori che sai di poter svolgere con qualità e conoscenze necessarie. Se inizi a prendere incarichi per i quali non ti senti sicura, potresti mettere a rischio la tua reputazione online. Bastano pochi feedback negativi per interrompere la tua carriera online e far sì che nessuno si rivolga più a te.

Concentrati sulla qualità dei tuoi servizi, comunicando in modo chiaro ciò che sai fare e come puoi aiutare i tuoi clienti. Costruisci relazioni solide con i tuoi clienti, offrendo un servizio personalizzato e mettendo sempre al primo posto la soddisfazione del cliente.

Ricorda che la tua reputazione e le raccomandazioni sono fondamentali per farti crescere come assistente virtuale. Con impegno, passione e un servizio di qualità, potrai distinguerti e costruire una carriera gratificante nel mondo dell’assistenza virtuale.

Come trovare o attirare nuovi clienti

Dopo più di otto anni di esperienza come assistente virtuale e imprenditrice digitale, ecco alcuni consigli che vorrei condividere con te per trovare o attirare i tuoi clienti:

Crea un sito web professionale: è fondamentale avere un sito web professionale dove poter presentare i tuoi servizi e mettere in mostra le tue competenze. Assicurati di ottimizzarlo per i motori di ricerca (SEO) in modo da essere facilmente trovata dai potenziali clienti.

Crea un blog: all’interno del tuo sito web crea un blog e scrivi contenuti che risolvono i problemi del tuo cliente ideale. Inserisci inviti all’azione e link alle pagine dei tuoi servizi. Ricorda di affinare le tue competenze in SEO copywriting se vuoi posizionarti sui motori di ricerca come google.

Utilizza i social media: inizia concentrando i tuoi sforzi su una piattaforma social e diventa esperta nel gestirla. Successivamente, puoi considerare l’aggiunta di un secondo canale. Questo ti permetterà di sviluppare competenze di qualità che possono essere vendute. Utilizza i social media per promuovere i tuoi servizi in modo coerente con la piattaforma scelta. Ad esempio, la promozione su LinkedIn sarà diversa da quella su Instagram. Iscriviti a gruppi e forum pertinenti al tuo settore e partecipa attivamente alle discussioni, fornendo valore e facendoti conoscere dai potenziali clienti.

Partecipa agli eventi: se hai l’opportunità, partecipa a eventi del settore. Questo ti permetterà di fare networking e parlare dei tuoi servizi con persone interessate. Esercitati a presentare brevemente cosa fai in modo chiaro e coinvolgente.

Passaparola: Il passaparola è ancora un potente strumento per trovare nuovi clienti. Concentrati su professionisti e piccole attività e offri loro un servizio di qualità che li soddisfi.

Chiedi testimonianze: Le recensioni positive e verificabili dei clienti soddisfatti sono importantissime per attrarre nuovi clienti. Chiedi sempre ai tuoi clienti di lasciare un feedback e utilizzalo per migliorare continuamente i tuoi servizi.

Oltre a questi consigli, ricorda di coltivare costantemente le tue competenze e di rimanere aggiornata sulle ultime tendenze nel tuo settore. La formazione continua e l’adattamento alle esigenze dei clienti ti aiuteranno a distinguerti come assistente virtuale e a trovare nuove opportunità lavorative.

Assistente Virtuale: Aspetti Fiscali da Considerare

Se desideri intraprendere la carriera di assistente virtuale, la prima cosa da fare è metterti in contatto con un consulente fiscale (se non ne hai uno, siamo qui per aiutarti) per valutare la tua situazione personale e pianificare l’avvio della tua attività in modo corretto.

Uno dei dilemmi più comuni tra i freelance all’inizio dell’attività riguarda il momento giusto per aprire una partita IVA. Se hai pochi clienti e la tua attività è ancora agli inizi, con incertezze sulla sua stabilità futura, capisco che l’idea di aprire una partita IVA possa sembrare spaventosa.

Ma importante precisare che non esiste un limite specifico di guadagno al di sopra del quale si è obbligati ad aprire una partita IVA. La normativa fiscale stabilisce semplicemente che una persona è tenuta ad aprire una partita IVA quando intende svolgere un’attività lavorativa in modo professionale ed autonomo.

Professionalità ed Impegno Costante

Il concetto di professionalità implica la sistematicità e la regolarità dell’attività svolta. La professionalità richiede anche l’obiettivo di ottenere un profitto, cioè l’intento di generare ricavi superiori ai costi e conseguire un guadagno. Un’attività è considerata professionale se viene svolta in modo “abituale” e non in modo occasionale, anche se il soggetto può svolgere diverse attività contemporaneamente. Pertanto, se stai svolgendo in modo continuativo e professionale un’attività tipica dell’assistente virtuale, è necessario aprire una partita IVA.

È importante consultare il tuo consulente fiscale per comprendere meglio la tua situazione specifica e valutare il momento giusto per aprire una partita IVA, assicurandoti di rispettare tutte le normative fiscali e di avviare la tua attività in modo corretto e legale.

Apertura della Partita IVA

Il primo passo fiscale da compiere per diventare un assistente virtuale freelance è l’apertura della Partita IVA. Insieme all’apertura, sarà necessario scegliere il codice attività che meglio descrive la tua professione. Considerando la varietà di servizi offerti dagli assistenti virtuali, è importante consultare un commercialista per individuare il codice più adeguato in base alle tue attività principali per i clienti.

Il Regime Fiscale Forfettario

Oltre al codice attività, dovrai scegliere anche il regime fiscale da applicare. Per i professionisti, potrebbe essere vantaggioso aderire al regime forfettario se rispondi ai requisiti richiesti. Questo regime fiscale prevede una tassazione forfettaria del reddito professionale basata su una percentuale dei ricavi annui (che è del 78%). In pratica, significa che il reddito sarà calcolato in base a una percentuale applicata ai ricavi generati, senza la possibilità di dedurre i costi.

Contabilità Semplificata

Per coloro che non possono aderire al regime forfettario, automaticamente si applicherà il regime fiscale della “contabilità semplificata“. Questo regime fiscale naturale dei professionisti prevede la tassazione del reddito professionale in base all’IRPEF (differenza tra ricavi e costi deducibili secondo il DPR n. 917/86), l’applicazione dell’IVA e la ritenuta di acconto in fattura. Questo regime è più complesso in quanto richiede la tenuta della contabilità e l’applicazione dell’IVA trimestrale e della ritenuta di acconto in fattura.

Ricorda che, a differenza del regime forfettario, in questo regime avrai la possibilità di dedurre i costi legati alla tua attività, in tutto o in parte a seconda dei casi.

La Gestione Separata dell’Inps per gli Assistenti Virtuali Freelance

Oltre agli adempimenti fiscali, è importante considerare anche gli aspetti previdenziali per chi desidera diventare un assistente virtuale freelance. In particolare, i lavoratori autonomi senza una cassa professionale propria, come gli assistenti virtuali, sono tenuti ad iscriversi alla Gestione Separata dell’Inps (in base alla Legge n. 335/95).

La Gestione Separata prevede un regime contributivo in cui i contributi vengono calcolati in base al reddito imponibile ai fini delle imposte dirette. La percentuale di contribuzione viene comunicata annualmente dall‘Inps attraverso specifiche circolari rivolte ai professionisti iscritti a questa gestione.

Una nota importante dal punto di vista previdenziale riguarda coloro che desiderano diventare assistenti virtuali e che attualmente svolgono anche un lavoro dipendente. In questo caso, l’aliquota previdenziale per i versamenti alla Gestione Separata viene ridotta, poiché il professionista è già coperto da un’altra forma di contribuzione (quella dei lavoratori dipendenti).

I contributi alla Gestione Separata dell’Inps devono essere versati alle stesse scadenze dei pagamenti delle imposte sui redditi, ossia entro il 16 giugno e il 30 novembre.

Affidati a un commercialista esperto

Per gestire correttamente gli aspetti fiscali della tua attività di assistente virtuale, è consigliabile affidarti a un commercialista esperto. Saranno loro a guidarti attraverso i vari adempimenti, a consigliarti il regime fiscale più adatto alle tue esigenze e a supportarti nella gestione della contabilità. In questo modo, potrai concentrarti sulla crescita del tuo business come assistente virtuale senza preoccupazioni fiscali.

Come guadagnare online come Assistente Virtuale

Come AV hai diversi modi per guadagnare e creare le tue tariffe, per esempio:

  1. Progetto: Puoi proporre i tuoi servizi per progetti specifici, stabilendo una tariffa per l’intero lavoro. Questo ti consente di pianificare il tuo tempo in base alle esigenze del progetto e di offrire un preventivo personalizzato. Un esempio è la realizzazione di un sito web.
  2. Pacchetti prepagati: Offrire pacchetti di servizi prepagati è un’altra opzione. I clienti possono acquistare un certo numero di ore o servizi in anticipo, e tu puoi gestire il lavoro in base alle loro richieste durante il periodo di validità del pacchetto.
  3. Tariffa oraria: Puoi anche stabilire una tariffa oraria per i tuoi servizi, addebitando ai clienti in base al tempo effettivamente impiegato. Questo approccio offre flessibilità sia per te che per il cliente, poiché pagheranno solo per il tempo dedicato al loro progetto.

In alcuni casi, puoi anche offrire la tua esperienza come pacchetto fisso, fornendo un preventivo per un servizio specifico basato sulla tua conoscenza e competenza. Se viene richiesto lavoro extra o servizi aggiuntivi, puoi aggiungere ulteriori ore o personalizzare la soluzione in base alle esigenze del cliente.

Per trovare clienti, puoi proporre i tuoi servizi a professionisti che apprezzi particolarmente e con cui hai già stabilito una connessione.

Ricorda che ogni situazione richiede una soluzione personalizzata, quindi sii flessibile nel definire i tuoi prezzi e servizi in base alle esigenze dei clienti. Con una combinazione di talento, professionalità e una buona rete di contatti, puoi costruire una carriera di successo come assistente virtuale guadagnando online.

I Costi dell’Attività di un Assistente Virtuale

Dopo aver esaminato gli adempimenti necessari per avviare l’attività di assistente virtuale, è importante prendere in considerazione i costi annuali che devi affrontare per la tua attività. Conoscere questi costi è fondamentale sia per valutare se il proprio volume di lavoro sarà in grado di sostenerli, sia per monitorarne l’evoluzione nel tempo e pianificare al meglio l’attività. Iniziamo con il dire che avendo la possibilità di lavorare da casa i costi sono molto bassi.

Costi Legati all’Attività

Come per qualsiasi attività freelance, anche l’attività di assistente virtuale comporta costi legati alle competenze tecniche del professionista. Il principale costo da considerare è quello dell’aggiornamento professionale, seguito dai costi per la realizzazione e la gestione di un sito web e di un blog, a seconda che operiate localmente o esclusivamente online.

Oltre a questi, ci saranno anche i costi relativi a strumentazioni tecnologiche da utilizzare e, se necessario, costi per consulenze esterne qualora decidiate di avvalervi di altri professionisti del settore.

Costi Amministrativi e Fiscali

Dal punto di vista amministrativo, l’attività freelance di un assistente virtuale non comporta costi significativi. L’unico costo da considerare sarà quello del commercialista che vi assisterà dal punto di vista fiscale.

È importante tenere presente che, in ogni caso, se l’attività non dovesse andare come previsto, è possibile chiudere la partita IVA in qualsiasi momento e senza sostenere ulteriori costi. Quindi, se siete interessati a questa professione, perché non provarci davvero? Potrebbe essere un’opportunità entusiasmante e gratificante per voi!

Ricordate sempre di pianificare accuratamente i vostri costi e di adattarvi alle esigenze del vostro business mentre perseguite il vostro sogno di diventare assistenti virtuali di successo.

 

Condividi questo articolo!

Inizia GRATIS, iscriviti qui e prova i corsi di Gut Feeling Academy.

1 commento su “Come diventare assistente virtuale: guida alla professione online”

  1. Bellissima guida, grazie Lucy, il tuo sito è proprio quello che mi serviva da guida per chiarirmi le idee e capire come diventare assistente virtuale e soprattutto come creare una presenza online e promuovermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Lucy Kaczara

Lucy Kaczara

Ciao, sono Lucy! Aiuto i piccoli Biz a far crescere la loro attività grazie al web, senza tecnicismi e senza stress. In questo sito troverai guide, risorse gratuite, corsi online e consigli utili per far crescere la tua attività online.

Hai domande? scrivimi qui:

Index
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto
    Apri la chat
    Ciao!
    Come possiamo aiutarti?
    Scrivici qui: